15 Lezioni sul Car Design

“Curve” Fabio Filippini – Gabriele Ferraresi – Recensione libro

Questa pubblicazione, edita da Rizzoli Lizard, di 236 pagine è da considerarsi già un classico e indispensabile manuale per tutti coloro che studiano, lavorano, o semplicemente vogliono sapere di più sul magico mondo del disegno automobilistico.

Il Card Design appunto è la disciplina che si occupa dello stile delle automobili e si può definire un mix tra arte e funzionalità. Nelle pagine di CarConsulting.it ho più volte menzionato il design come lo studio (il disegno atto a creare un veicolo), il quale deve essere piacevole ed equilibrato, ma adatto al suo ruolo e quindi deve accogliere persone e bagagli e tutti gli organi meccanici necessari al funzionamento.ù

Su gentile concessione Rizzoli Lizard

 “Curve” ci spiega semplicemente questa filosofia che l’auto dall’esterno  può essere percepita come una scultura, dall’interno come uno spazio da vivere.

“Curve” è scritto da Fabio Filippini, classe 1963, car designer italiano trapiantato a Tokyo. Dal 2011 al 2017 ha ricoperto l’importante ruolo di Direttore Design Pininfarina, oltre ad aver collaborato con diverse case automobilistiche; il libro è steso a quattro mani con l’aiuto del giornalista Gabriele Ferraresi.

Filippini apre il libro, esponendo come si comincia ad appassionarsi al car design…  nel suo caso disegnando le auto dalla tenera età, è ispirato da un regalo del suo babbo che ha canalizzato indelebilmente la sua professione: una riproduzione della splendida e futuristica concept car Ferrari 512S Modulo di Pininfarina del 1970.

Pininfarina Ferrari Modulo 512S – Museo Enzo Ferrari Modena

Il libro spazia molti argomenti toccando il connubio tra auto e design, passando dall’arte al cinema, dalla tecnologia della progettazione all’analisi delle forme.

“Curve” si divora e con lo scorrere delle pagine diventa un vero e proprio strumento utile anche a tutti coloro che amano o si interessano di design industriale. In effetti, come conferma l’autore, “la capacità di analizzare una forma non è un dono comune. L’occhio deve essere allenato, lo sguardo deve formarsi” e il libro ci mostra anche questo.

Troverete inoltre, le risposte ad una particolare tesi che di fatto svela l’esistenza di un parallelismo tra la storia dell’arte e dell’architettura e quella dell’automobile.

Inoltre, come è giusto che sia è presente uno spazio dedicato alle vetture elettriche perché questa tecnologia libera i designer dall’assillo degli organi meccanici. Per esempio il motore endotermico non è più presente, quindi gli unici “vincoli” per disegnare le nuove carrozzerie sono la cellula abitative e le quattro ruote, nell’immediato futuro potremmo incontrare nuove forme e armonie a quattro ruote.

Il libro può ritenersi adatto a qualsiasi età, può essere un’ottima idea regalo per tutti gli appassionati del mondo dei motori e del car design.

In vendita anche su Amazon